Olio DOP TERRA D’OTRANTO significa:

1) contribuire al mantenimento del patrimonio olivicolo del territorio dell'antica provincia di Terra d'Otranto, oggi Salento;

2) contribuire al sostegno economico/occupazionale di olivicoltori, frantoi oleari e confezionatori dello stesso territorio, costituito da imprese a carattere agricolo ed artigiano. Mancano, infatti, su tutto il territorio, le grandi strutture industriali dell'agroalimentare e, quindi, i processi produttivi con scarso apporto umano;

3) accorciare i tempi di "esposizione mercantile" allo stato sfuso del delicato e prezioso prodotto, che costituisce l'anello debole, sulla qualità dell'olio, nei casi di ripetuti trasferimenti commerciali.
 
Molte aziende olivicole locali, soprattutto quelle operanti in “filiera corta”, adottano sempre più i criteri di qualità e territorialità, senza ricorrere a comodi approvvigionamenti di olive/olio da territori confinanti; la differenza di chi produce Olio certificato TERRA D’OTRANTO DOP risiede nel “metterci la faccia” ancor prima di produrre e vendere, sottoponendosi a controlli esterni come risulta dai pubblici elenchi (Olivicoltori, Frantoi, Confezionatori) facilmente reperibili all’indirizzo http://www.le.camcom.gov.it/P42A0C100S82/D-O-P--Terra-d-Otranto.html